Progetto Insieme per un libro

Progetto Insieme per un libro

Cosa significa essere genitore, nonno, fratello di una persona con autismo? Quali esperienze, racconti, vissuti si vogliono condividere anche con chi non è a conoscenza dell’autismo? La nostra esperienza di familiari può aiutare altre persone che, come noi, si trovano ad affrontare questo mondo?

Su queste e altre domande si origina il Progetto “Insieme per un libro” pensato dalle Dott.sse Valentina Ciulla, Sabrina Morgillo ed Elena Orlandi, che collaborano da anni con l’associazione Aut Aut, lavorando con bambini e ragazzi con autismo ma anche con i loro famigliari (come, per esempio, attraverso il progetto Siblings).

Destinatari

Madri, padri, nonni, sorelle e fratelli degli associati di Aut Aut.

Finalità

Raccogliere testi, fotografie, disegni e altro materiale delle famiglie degli associati di Aut Aut per far conoscere il loro vissuto e le loro storie. Successivamente il materiale potrà essere divulgato a titolo gratuito o pubblicato per la diffusione commerciale.

Modalità di partecipazione

Per proporre testi, fotografie, disegni o altro materiale, o per chiedere maggiori informazioni su tempi ed autorizzazioni: progettolibroautismo@gmail.com

Cari genitori,

stando vicine quotidianamente ai vostri figli ci troviamo spesso a osservare ‘dal buco della serratura’ le vostre belle famiglie. Tante volte ci è capitato tornando a casa di metterci nei vostri panni e di chiederci cosa significa essere genitore dei nostri ragazzi…

Troppe volte quotidianamente siamo bombardati da giudizi di persone che non sanno cosa vuol dire trovarsi ‘di botto’ in qualcosa che non si è scelto e ti cambia la vita. Troppe volte vediamo negli occhi degli altri lo stupore per i comportamenti dei nostri ragazzi…

Noi abbiamo deciso di raccogliere le vostre storie, senza giudizi, senza ipocrisie. Non vogliamo far sembrare che sia tutto facile, anzi questo è un percorso pieno spesso di lunghissime salite ma anche di incontri, di emozioni, di sorrisi,…

Quel che conta è la vostra esperienza. Di madri, di padri, di nonni, di fratelli. Queste storie meritano di essere raccontate, valorizzate e diffuse a tutti, anche a chi non ha mai sentito parlare di autismo.

Sperando che possa far sentire meno soli tutti noi: chi si è appena avvicinato all’autismo e chi da un pezzo condivide questo percorso infinito e troppe volte taciuto.

Questo vuole essere un libro di piccole storie, di momenti di felicità o attimi di sconforto.

Non esistono storie belle o brutte, giuste o sbagliate. Tutte le storie meritano di essere ascoltate.

Scegli tu quello che ci vuoi raccontare.

Mamma, Papà, ci puoi raccontare la prima volta che hai visto negli occhi tuo figlio, i suoi primi sorrisi e i suoi primi passi, il momento della diagnosi, il rapporto che tuo figlio ha con suo fratello, gli incontri significativi nel bene e nel male fatti in questo percorso, i traguardi di tuo figlio, speciali momenti di condivisione,…

Nonno, Nonna, ci puoi raccontare la gioia di diventare nonni, le cose che hai insegnato a tuo nipote e i pomeriggi trascorsi insieme, il dolore e la gioia che hai visto negli occhi dei tuoi figli,…

Sorella, Fratello, ci puoi raccontare le litigate che hai avuto con tuo fratello, le risate e i pianti che vi siete fatti insieme, la particolarità di avere un fratello autistico, la voglia di capirlo, essergli vicino e, a volte, di vivere le cose con più leggerezza,…

Se vuoi puoi anche condividere una fotografia, un disegno, una poesia, una canzone, lasciando spazio all’immaginazione e alle emozioni.

Aspettiamo una tua risposta!

Puoi scriverci e inviare il materiale alla mail progettolibroautismo@gmail.com

Valentina Ciulla
Sabrina Morgillo
Elena Orlandi