Francesco Barale

Università di Pavia
Department of Brain and Behavioural Sciences
Laboratorio Autismo
Fondazione Genitori per l’Autismo, Cascina Rossago

Pubblicazioni

Saggio. L’autismo a partire dall’età adulta: nuove conoscenze, criticità, implicazioni abilitative Noos, 2009, 3, 257/291

Relazione. “Storia naturale dell’autismo”; Convegno Nazionale “Autismo e percorsi di vita”. Azienda Sanitaria Ravenna in collaborazione con Angsa Ravenna, Ravenna, 4-5-6 ottobre 2012

Relazione. “La dimensione long-life dell’autismo: è possibile una vita felice?“
Convegno Nazionale “I disturbi dello spettro autistico: dalla diagnosi precoce alla vita adulta”. Istituto Superiore Sanità, 2 aprile 2014, Roma

Esperienze

Esperienza di Cascina Rossago

Principi di metodo. Cascina Rossago non è un generico “bel” contenitore di disabilità, dove le persone con autismo sono “intrattenute”. E’ un luogo in cui si sta realizzando un particolare esperimento. Se l’obiettivo generale è quello di creare le condizioni in cui persone autistiche adulte, anche gravi, possano esprimere la loro particolare umanità, raggiungere una buona qualità di vita e sviluppare il massimo possibile di socialità e relazionalità, tale obiettivo è perseguito attraverso l’attivazione di un contesto di “abilitazione permanente”, che si avvale delle più recenti conoscenze sull’autismo e dell’integrazione degli aspetti migliori delle strategie di intervento e della riflessione che provengono da diverse tradizioni culturali.

Laboratorio autismo

Il Laboratorio Autismo è un centro universitario di ricerca, afferente al Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento dell’Università di Pavia, che opera in stretta collaborazione con Cascina Rossago. Costituitosi negli anni ’80, a partire dall’interesse di Francesco Barale e Stefania Ucelli, ha sviluppato grande esperienza nei confronti dei modelli teorici dell’autismo e delle strategie di intervento più produttive, costituendo il corpus teorico/pratico che ha ispirato la realizzazione di Cascina Rossago.

L’orchestra invisibile

Attiva dal 2005, l’Orchestra invisibile è costituita da quattordici percussionisti affetti da autismo e almeno altrettanti fra studenti, specializzandi e docenti dell’Università di Pavia, legati dalla passione per la musica e l’interesse per la ricerca scientifica. L’Orchestra suona regolarmente tutte le settimane (il venerdì pomeriggio) a Cascina Rossago, avendo come unico scopo quello di suonare assieme con piacere. Il termine “invisibile” si riferisce ad una sua caratteristica peculiare: poiché la presenza di un pubblico, anche conosciuto, turberebbe molti dei suoi componenti, ogni tipo di “esibizione” viene evitato.

Fondazione Genitori per l’autismo

La Fondazione Genitori per l’Autismo è stata costituita il 15 maggio 1998 (Regione Lombardia, D.G.R. n° 6/40609 del 23.12.98) ed è stata riconosciuta come ONLUS (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale). E’ nata dall’impegno patrimoniale di alcune famiglie di ragazzi autistici, da anni attive all’interno delle associazioni nazionali e locali, con lo scopo di promuovere iniziative volte al miglioramento della qualità della vita delle persone autistiche, soprattutto nell’età adulta. La Fondazione Genitori per l’Autismo è membro e promotore del NIFCA (Network of International Farm Communities for Autism). L’iniziativa più importante promossa, sostenuta e gestita è il “Progetto Cascina Rossago”, che ha visto la sua concretizzazione il 15 maggio 2002, esattamente due anni dopo la costituzione della Fondazione.

Un pensiero su “Francesco Barale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *